Quando l’accento è una questione di stile

» Posted by on Gen 18, 2013 in corsi articoli e tutorial, cosa fare cosa non fare, gli errori da evitare, superare la paura, usare la voce | 0 comments

Quando l’accento è una questione di stile

Ciascuno di noi parlanti ha ereditato dai propri genitori e dal proprio ambito regionale di appartenenza una precisa cadenza o almeno un’inflessione dialettale. Possedere un determinato accento non è riprovevole, occorre però che esso sia sorvegliato e mitigato, specialmente se per per professione o per altre ragioni abbiamo la necessità di parlare in pubblico. Fatta eccezione per gli attori comici, i quali accentuano di proposito, allo scopo di suscitare ilarità, la propria cadenza regionale, non è piacevole ascoltare un oratore pubblico con un marcato accento dialettale. Per migliorare la propria dizione, riducendo e mitigando l’inflessione regionale, è utilissimo registare la propria voce e poi riascoltarla con spirito critico. Un po’ alla volta ci sbarazzeremo di “e” troppo aperte o di “o” troppo chiuse, correggeremo inopportuni raddoppiamenti di consonante e renderemo l’insieme del nostro modo di esprimerci più gradevole e meno pesante. Ciò contribuirà a farci sentire più sciolti e più sicuri di noi stessi quando dovremo rivolgerci ad un pubblico.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 
  Informativa Estesa sull'uso dei Cookies